«Nulla di umano mi è estraneo». Studi su Feuerbach eBook

«Nulla di umano mi è estraneo». Studi su Feuerbach PDF. «Nulla di umano mi è estraneo». Studi su Feuerbach ePUB. «Nulla di umano mi è estraneo». Studi su Feuerbach MOBI. Il libro è stato scritto il 2019. Cerca un libro di «Nulla di umano mi è estraneo». Studi su Feuerbach su premioquesti.it.

Premioquesti.it «Nulla di umano mi è estraneo». Studi su Feuerbach Image

DESCRIZIONE

"Homo sum, humani nihil a me alienum puto". Questa frase del poeta latino Terenzio viene citata da Feuerbach in uno dei paragrafi conclusivi della sua opera probabilmente più importante, i "Fondamenti della filosofia dell'avvenire" del 1843, e rappresenta sintesi critica nonché valenza progettuale del suo pensiero. Situata nel quadro di un rovesciamento del sistema di Hegel, con quella frase al contempo si vuol segnalare come da un tale sistema non si possa prescindere, e ciò non solo per l'ovvio gravame di una cultura coevamente dominante, bensì ai fini della costruzione medesima di una filosofia a-venire. Se «questa frase, presa nel suo significato più universale e più elevato, è il motto del filosofo nuovo», allora è da questa frase che dobbiamo prendere le mosse per valutare l'effettiva novità di un filosofo che ad essa si richiama.

INFORMAZIONE

ISBN: 9788884102973

NOME DEL FILE: «Nulla di umano mi è estraneo». Studi su Feuerbach.pdf

DATA: 2019

AUTORE: Fabio Bazzani

DIMENSIONE: 2,18 MB

SCARICARE
LEGGI ONLINE

"Niente di ciò che è umano mi è estraneo"

E' sottile la linea per chi travisa il concetto del letterato latino giustificandosi con semplici parole come quelle citate da un anonimo :"Homo sum, Nulla, nulla dell'uomo mi è estraneo, ogni violenza ha una tensione d'amore, una carica affettiva, passionale, erotica. Ecco perché ti ho violentata, ieri.

"Nulla di umano mi è estraneo" - Editrice Clinamen

Feuerbach, Dio e l'uomo Supremo principio è "Homo homini Deus": è errato ritenere che l'uomo debba sacrificare tutto a Dio, il quale per definizione non ha bisogno di nulla. Inoltre, come la storia ha dimostrato, la morale fondata sulla teologia giustifica tutti gli abusi, perché in questo modo essa viene sottratta al controllo della ragione.
LIBRI CORRELATI

Sulla cima del mondo. Il romanzo dei ribelli di Fiume.pdf

Ufo e potere di Stato.pdf

Brave story. Vol. 8.pdf

Un piemontese in Europa. Carlo Denina (1731-1813).pdf

Politiche culturali e museo oggi: modelli e prospettive. Atti del convegno (Lugano, 10-11 febbraio 2006).pdf

Livia.pdf

Il patrimonio e l'abitare.pdf

Panico! Come smettere di temerlo e riuscire a superarlo.pdf

Pane, pizze, focacce, torte salate....pdf

L' astronave. Con adesivi. Ediz. illustrata.pdf

To be or not to be? Imparare i verbi inglesi in modo semplice ed efficace.pdf

Guida al portico di San Luca. Dal Meloncello al santuario.pdf

L' insegnante facilitatore. Una nuova frontiera.pdf

Nietzsche e la costruzione del superuomo. Controstoria della filosofia. Vol. 7.pdf

Le intermittenze del cuore.pdf